Firenze: a Elisa

dsc081041Scritto il 18 novembre 2013 

Intanto –da poche ore– la mamma della mia amica ha deciso di andarsene a scoprire la libertà in qualche altro mondo, oppure la pace (chissà cosa avrà  trovato di bello!); io sono a Firenze, imprigionata dal miracolo costante delle sue infinite meraviglie.

Seduta di fronte al Duomo, mi sento invasa dalla bellezza irresistibile di ogni angolo, punto e contrappunto, colore, effetto… creati per ringraziare Dio per il magnifico dono dell’arte, la gioia pura di plasmare il proprio talento e l’impronta in un’opera eterna. E piango. Per lei che non ha voluto vederlo. Per me che non uscirò mai da questo incanto.

dsc080781Cammino con la paura di avanzare e spingere il tempo a correre veloce. Devo tornare indietro subito per ricominciare la giornata dalla mattina. Ripetere i passi, il pianto, la dismisura, le chiacchiere al mercato e la spesa, e la sorpresa di non sorprendermi attraversando la città con le braccia cariche di frutta e verdura come se fossi una delle tante cittadine fiorentine, non importa quale, ma comunque una che rimarrà, che non ripartirà.

dsc080631dsc080611dsc080701Del mercato ho presso la festa agitata e, parlando con delle persone che ci lavorano tutti i giorni ho condiviso la loro stanchezza del corpo, lo svegliarsi prima dell’alba, il rigore del lavoro, e anche la loro certezza di sapersi nel posto giusto, di non avere nè volere un’altro destino.

dsc080641dsc080731A Elisa, che merita il meglio del mondo, ho voluto offrire tutto questo per ringraziarla e celebrarla. Dia anche Lei un’occhiata a Firenze, Eli, la prego, perché dall’alto forse si fa volere più bene di quanto gliene voglio io  attraversandola. Le dia un’occhiata e si goda il tutto, che non è mai troppo tardi per fare una passeggiata al Duomo, al mercato, al fiume. Non è mai tardi, Elisa, perché Firenze aspetta. Aspetta sempre, per abbracciarci e coccolarci, per viziarci e non lasciarci andare via. Si permetta questa gioia.

dsc080771dsc081121Anch’io le voglio bene, Eli, e le ne ho voluto molto… Mi mancherà, ci mancherà, e mancherà anche a Firenze se non la visita adesso, dopo che io le ho raccontato tante belle cose di lei.

Ciao Eli, ci rivedremo un giorno e mi racconterà l’esperienza. Chissà che io non possa tornarci presto, e, camminando di sera con ancora il freddo che allontana il rumore dei milioni di turisti, possa saperlo direttamente da qualsiasi dei suoi muri, avvicinandovi l’orecchio e il cuore. Ci sarò attenta. Camminerò sfiorandoli.

dsc080861Ciao Eli, mi stia bene!

mamyMarisa Bergamasco

(Affezionata alla scrittura, alla buona cucina, al mangiare bene e ai buoni e grandi affetti, agente di viaggi di professione, sognatrice di vocazione, per sempre…)

3 pensamientos en “Firenze: a Elisa

  • 5 diciembre, 2013 a las 10:51 am
    Permalink

    in effetti è vero: firenze è sempre bella e ogni volta che ci vai c’è sempre qualcosa di nuovo o diverso da vedere…anche quello che hai già osservato ti richiama , ti fa immergere e confondere e ti lasci andare e il tempo vola e te ne manca sempre una parte Ogni volta che ci vado non finisco mai di girare e dico che sarà per la prossima volta, ma è ancora poco: io credo sia più bella di Roma raffa

    Responder
  • 5 diciembre, 2013 a las 6:36 pm
    Permalink

    Uno splendido omaggio alla signora Elisa da una delle città d’arte più raffinate e affascinanti .
    Un saluto dall’Italia , cara Marisa 🙂

    Responder
    • 6 diciembre, 2013 a las 12:07 am
      Permalink

      Carissima,
      certamente Firenze è una città unica, e per questo ho voluto ofrirgliela a Elisa. Magari la può vedere adesso… spero…
      Un abbraccio forte forte per te e grazie mille del generoso saluto!
      Marisa

      Responder

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Protected by WP Anti Spam

Este sitio usa Akismet para reducir el spam. Aprende cómo se procesan los datos de tus comentarios.